Volontariato in Sudafrica: come partecipare alla conservazione degli animali

Un articolo di Alessandro Nicoletti, fondatore di Keep the Planet, per coloro che vogliono vivere un’avventura unica facendo un viaggio volontariato in Sudafrica per aiutare la fauna africana.

volontariato ambientale in sudafrica Dalle coste mozzafiato del sud, ai grandi parchi del centro nord, il Sudafrica è una perla naturalistica che offre molte opportunità di volontariato.

Partire per un viaggio di volontariato in Sudafrica è un’esperienza unica che permette di vedere quanto bella e affascinante è l’Africa.

Qui avrai l’opportunità di vedere le grandi praterie dove regnano i“big five” (elefante, bufalo, rinoceronte, leone e leopardo), più altre tante specie selvatiche caratteristiche dell’Africa.

Le caratteristiche climatiche si riflettono fedelmente nella copertura vegetale che caratterizzano i diversi habitat del paese.

Dal punto di vista floristico, il Sudafrica si divide in sei principali zone vegetali: la foresta, la savana, la steppa, la macchia di tipo mediterraneo, la steppa desertica e il deserto.

Questa varietà di colori renderà la tua esperienza di volontariato un’occasione unica di vedere i principali habitat africani.

Come se tutto questo non bastasse, alla bellezza terrestre, aggiungi anche la meraviglia dei due oceani, Atlantico e Indiano, che si incontrano proprio qui sulle coste del Sudafrica creando una delle aree marine più ricche dal punto di vista di grandi pelagici quali lo squalo bianco, la megattera e la balena australe.

Se ami la natura e gli animali, è chiaro che un’esperienza di volontariato in Sudafrica è la scelta giusta da fare.

Come partecipare ad un volontariato in Sudafrica

volontariato in sudafricaNonostante la sua storia passata fatta di violenze e scontri tra la popolazione bianca e la popolazione nera, il Sudafrica oggi è una delle nazioni più sviluppate economicamente di tutto il continente africano.

Questo è dovuto al fatto che il paese è ricco di risorse naturali e di relativa stabilità politica che permette lo sviluppo dell’economia.

Ovviamente le ricchezze sono mal distribuite e infatti ci sono grandi disparità economiche.

Chi arriva in Sudafrica verrà travolto da queste contraddizioni che si evolvono tutto intorno ad una natura mozzafiato.

Esistono diverse opportunità di volontariato, tuttavia noi di Keep the Planet ci rivolgiamo maggiormente agli amanti della natura e pertanto ci occupiamo di trovare ed instaurare rapporti con progetti di conservazione.

Il primo passo per capire a che tipo di esperienza si vuole partecipare è individuare l’area di interesse.

Le città di arrivo principali come hub di partenza sono Cape Town, città cosmopolita e dinamica, oppure Johannesburg, la città più popolosa e caotica del paese.

Da qui ci si può dirigere o verso i grandi parchi nazionali, oppure a sud sulle frastagliate coste meridionali dove l’oceano da vita ad uno degli spettacoli più belli al mondo, la Sardina Run.

La rete di trasporti è ben organizzata permettendo gli spostamenti tra le principali zone del paese. A differenza di altri paesi africani, il Sudafrica infatti non necessita di 4×4 e di guide per muoversi.

Una volta capito il tipo di esperienza che si vuole vivere, si dovrà individuare la giusta organizzazione che accetta volontari internazionali per progetti di conservazione.

Come scegliere un volontariato in Sudafrica

Quando si sceglie un volontariato bisogna prestare particolarmente attenzione alla bontà dello stesso perché spesso si nascondono delle trappole commerciali che non sono altro che business mascherati da volontariato.

Questi progetti si sponsorizzano in maniera professionale e sempre richiedono alte quote di contributo da parte del volontariato.

Spesso si pubblicizzano con foto di volontari abbracciati ad animali selvatici per far leva sui sentimenti umani.

Non partecipare mai a questo tipo di progetto perché non è altro che un’azienda che non fa volontariato, ma business e che pubblicizza un concetto sbagliato dell’interazione tra uomo e animali selvatici.

Abbracciare un leone significa condannarlo ad una vita in cattività perché un leone selvatico non si fa abbracciare da un umano.

Le vere esperienze di volontariato ambientale che veramente sono fatte per aiutare l’ambiente sono mal pubblicizzate, hanno siti vecchi e poco leggibili, ma che in realtà nascondono le vere esperienze reali.

Questo tipo di associazioni non chiedono cifre da capogiro, ma spesso si limitano ad alcune centinaia di euro a settimane che serviranno a ricoprire i costi e poco altro.

Ed è questo il compito della mia associazione, mettere in contatto i volontari italiani con queste piccole realtà locali che sono autentiche.

Idee di volontariato ambientale in Sudafrica

La prima idea di volontariato che posso consigliarti è quella legata alla conservazione dei pinguini e degli uccelli marini.

I progetti legati a queste specie prevedono la cura e il rilascio di individui che hanno subito diverse tipologie di danno ambientale, medico o meccanico.

Oltre a conoscere il ciclo di vita e la conservazione del pinguino africano e di altri uccelli marini, avrai l’opportunità di  prenderti cura di loro durante il loro periodo di convalescenza.

Tra i vari compiti che devono essere svolti ogni giorno, dovrai preparare il cibo per gli animali, garantire la pulizia degli ambienti e organizzare le visite. L’attività di volontariato prevede anche uscite in mare per il monitoraggio delle specie.

Una delle classiche esperienze di volontariato in Sudafrica è certamente quello all’interno dei parchi nazionali.

Molti dei parchi infatti hanno dei progetti di conservazione che vanno dall’accoglienza dei visitatori, fino alla manutenzione dei percorsi e attività di monitoraggio delle specie.

Questo tipo di esperienza ti darà l’opportunità di vivere al fianco dei ranger e di avvistare molti degli esemplari che vivono in Sudafrica.

Lo stesso tipo di volontariato si può fare all’interno di riserve private che a loro volta accettano volontari da tutto il mondo per contribuire alla normale attività quotidiana.

Devi sapere infatti che molta della fauna in Sudafrica è all’interno di parchi privati molto estesi che si finanziano con progetti governativi di conservazione e attività private come il safari fotografico. Stai attento a quale riserva contatti, alcune riserve private sono riserve di caccia.

Ci sono inoltre delle associazioni specializzate in conservazione di una specie, questo è l’esempio dei progetti di conservazione legati alla salvaguardia degli ultimi rinoceronti africani, oppure quelli specializzati nella protezione dei leopardi e così via.

Ogni grande specie africana in pericolo di estinzione ha il suo progetto dedicato che generalmente accettano volontari.

Volontariato in Sudafrica: considerazioni finali

Il Sudafrica è il paese perfetto per effettuare un progetto di conservazione legato alla protezione della natura e delle specie in pericolo di estinzione.

Gli standard sono uguali a quelli europei e pertanto si presta perfettamente ad una prima esperienza di volontariato, specialmente per coloro che devono superare il primo impatto con il nuovo paese.

In Sudafrica non ci sono problemi sanitari, e questo è molto importante, non dovrai temere malattie tropicali, gli ospedali sono moderni ed efficienti, vivrai l’Africa senza i problemi dell’Africa.

Non tutti sono infatti Indiana Jones e molti rinunciano ad un’esperienza di volontariato per paura delle malattie, ecco se questo è il tuo caso, non preoccuparti e compra tranquillo il volo aereo.

Attento a quando scegli il progetto di volontariato, è molto facile infatti sbagliare tra un vero campo di lavoro di conservazione e la truffa turistica.

Se vuoi partire per un progetto ambientale in Sudafrica, scarica il database per soci di Keep the Planet, diventa uno di noi e parti per un’avventura all’insegna della conservazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *