Volontariato ambientale negli Stati Uniti: idee per un viaggio nella natura

Volontariato ambientale negli Stati UnitiGli USA (anche denominati Stati Uniti d’America), sono un Paese con un ecosistema molto vario: ci sono oltre 15.000 specie vegetali tra Stati Uniti, Alaska e isole Hawaii. Inoltre, la presenza di una fauna così diversa, permette la convivenza negli Stati Uniti di numerose specie di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e insetti.

Problemi ambientali e aree protette negli Stati Uniti

Il più grande problema ambientale che oggi minaccia la biodiversità del Paese, è rappresentato dall’inquinamento, sia atmosferico che del suolo, principalmente causato dalla difficoltà a smaltire i rifiuti urbani.

Per questo motivo, al fine di proteggere la fauna e la flora del Paese, sono presenti negli Stati Uniti circa sessanta parchi nazionali e centinaia di altri parchi, foreste e zone desertiche protette a livello federale.

Esperienza di volontariato ambientale in una riserva negli Stati Uniti

Sono diversi i progetti di volontariato ambientale a cui si può prendere parte negli Stati Uniti. Uno di questi ad esempio si svolge a Wells, situato sulla costa del Maine meridionale, presso la Wells National Estuarine Research Reserve. La Riserva è una struttura dedicata a progetti di ricerca e istruzione, ma è anche un santuario naturalistico predisposto alla tutela delle specie vegetali in via di estinzione e della fauna selvatica. In questo luogo ci sono foreste, paludi costiere, spiagge, edifici agricoli e storici.

L’obiettivo del progetto che si svolge presso la riserva, è soprattutto quello di proteggere e ripristinare gli ecosistemi costieri, nonché educare il pubblico sulla bellezza e l’importanza di questi luoghi.

I volontari in questa esperienza alloggiano in un moderno dormitorio con letti confortevoli, cucina ben attrezzata, grande tavolo da pranzo e area comune. Le camere sono di grandi dimensioni e i volontari condividono la stanza con altri membri del gruppo, cucinando anche i pasti con gli altri partecipanti al progetto. Per il tempo libero invece, la Riserva dispone di una spiaggia privata e di numerosi percorsi naturalistici.

Partecipare alla costruzione di una rete di piste ciclabili e pedonali negli Stati Uniti

Un’altra esperienza di volontariato naturalistico a cui è possibile prendere parte negli Stati Uniti d’America, si svolge poi a Montpelier, in Vermont, ed è organizzato dall’associazione Cross Vermont Trail. Il progetto in particolare riguarda la costruzione di una rete di piste ciclabili e pedonali, che alla fine dei lavori dovrebbero attraversare l’intero Stato del Vermont. L’obiettivo del progetto è quello di creare un’ambiente ecologicamente sostenibile in questa zona, riducendo il traffico e le emissioni delle auto, e creando un percorso ciclabile che collegherà facilmente le piccole città, le scuole e le aree naturali selvagge presenti nella zona, allo stesso tempo creando un’alternativa sicura e sana alla guida in macchina.

Durante il tempo libero i volontari possono esplorare la foresta demaniale di Montpelier, andare in bicicletta, fare escursioni sulle montagne, nuotare nei laghi; nonché visitare con una guida le attrazioni nelle città vicine, (come appunto la città di Montpelier, che è la capitale del Vermont).

I volontari che prendono parte a questa esperienza alloggiano generalmente in tende, fornite direttamente dall’associazione ospitante. Anche il cibo è fornito dall’associazione. Inoltre, durante la settimana lavorativa non c’è elettricità, acqua corrente o servizi igienici con sciacquone.

Esperienza di volontariato ambientale in una fattoria negli Stati Uniti

Un altro progetto si svolge poi in una fattoria nel sud del Maine, e precisamente nella regione del New England. Il progetto è organizzato dal The Youth Enrichment Center, presso l’Hilton-Winn Farm. Questa fattoria è un’azienda agricola che si trova a poche miglia dalle splendide acque dell’Oceano Atlantico e dalle spiagge. L’Hilton-Winn Farm è anche un’organizzazione senza scopo di lucro, dedicata allo sviluppo positivo dei giovani, all’educazione naturale e alla gestione del paesaggio agricolo unico del New England.

L’obiettivo del centro è in particolare lo scambio culturale tra i volontari e la popolazione locale,

Il lavoro dei volontari prevede dunque la manutenzione di 4 km di sentieri escursionistici, l’assistenza negli orti, l’installazione di recinzioni per animali, la pittura dei recinti, ma anche l’assistenza nei programmi per i giovani e altri progetti agricoli.

Esperienza di volontariato per la tutela degli animali negli Stati Uniti d’America

È poi possibile partecipare ad un progetto di volontariato per la tutela degli animali negli Stati Uniti. Uno di questi progetti, ad esempio, si svolge vicino a Mims, in Florida. Questa è una piccola cittadina semi-rurale vicino ad Orlando, famosa soprattutto per le sue spiagge, il mare, il sole e circondata da una natura rigogliosa, che ospita molti cavalli e altri animali da fattoria.

In particolare in Florida ci sono i cavalli mustang (anche se prevalentemente le specie di questo animale si trovano nel Nord – Ovest degli Stati Uniti), che sono animali ammaestrati diventati selvaggi dopo essere scappati o dopo essere stati rilasciati in libertà.

Questi cavalli, anche se sono simbolo di indipendenza e di carattere, non sono sempre rispettati in Florida: spesso vengono catturati e venduti come cavalli addestrati, sono vittime di maltrattamenti e sevizie, o soffrono di malnutrizione.

I volontari che prendono parte a questo progetto, si uniscono al team di un centro di riabilitazione dedicato all’accoglienza e alla cura dei cavalli. Sempre assistiti dal personale specializzato del centro, i volontari partecipano a diverse attività, tra cui: nutrire i cavalli, curarli, addestrarli e passare del tempo con loro.

I compiti da svolgere sono di vario genere, molti richiedono il lavoro fisico, e riguardano principalmente: la cura generale degli animali: cambiare l’acqua, nutrirli, pulire i recinti, strigliare i cavalli; la manutenzione delle infrastrutture: pulire le stalle, fare manutenzione ai recinti, ritinteggiare gli edifici. Inoltre, i volontari con esperienza pregressa, possono prendere parte anche alle attività che riguardano la riabilitazione degli animali, che possono prevedere: montare i cavalli, prendersi cura di loro, seguirli durante la terapia di socializzazione. La possibilità di collaborare nel processo di riabilitazione però, dipenderà dalle necessità locali e dalle condizioni climatiche.

Durante il programma tutti i volontari hanno comunque l’occasione di cavalcare, e, nel tempo libero, i partecipanti al progetto possono organizzare diverse attività assieme agli altri membri del gruppo, come: fare kayak, gite a cavallo, rilassarsi in spiaggia o fare barbecue.

Leave a Reply

La nostra casa sta bruciando

Scopri come aiutarci