Volontariato ambientale in Africa occidentale: progetti in Senegal, Ghana, Camerun, Nigeria

Un articolo di Alessandro Nicoletti, fondatore di Keep the Planet, circa le opportunità di volontariato ambientale in Africa occidentale.

Volontariato in africa occidentaleIl continente Africano è senza dubbio uno dei luoghi migliori al mondo in cui recarsi se si è amanti degli animali e della natura in genere.

In viaggio turistico, per lavoro o facendo volontariato è impossibile non rimanere incantati dai paesaggi mozzafiato africani e dalle varie specie di animali selvatici che vivono in queste terre.

Ce ne sono di tutti i tipi: zebre, rinoceronti, ippopotami, iene, elefanti, leopardi, antilopi, struzzi e molti altri ancora.

L’Africa occidentale, in particolare, costituisce un’area con grandi differenze geografiche, di biodiversità e di culture.

Fanno parte di essa Stati come la Nigeria, la Costa d’Avorio, il Sierra Leone.

Da un punto di vista climatico la costa di questa parte di Africa confina a sud con l’oceano Atlantico, e ciò comporta che le zone costiere hanno per la maggior parte clima tropicale; mentre il nord e le terre continentali sono occupate dalla savana.

Fare un viaggio volontariato in Africa è un’esperienza unica che ti allarga orizzonti non solo personali, ma anche professionali.

E’ infatti noto che fare volontariato aiuta non solo a trovare occupazione retribuita nel settore delle associazioni, ma anche nel mondo commerciale.

Che aspetti allora, prepara la valigia e parti per un viaggio all’insegna della conservazione ambientale.

Volontariato ambientale in Senegal

In Senegal ci sono diverse associazioni dedicate al volontariato ambientale.

Una di queste ad esempio è FENAGIE PECHE (National Federation of Economic Interest Groups of fischermen), che è un’associazione inizialmente nata su iniziativa di un gruppo di pescatori ed artigiani locali.

L’obiettivo dell’organizzazione è di incrementare la posizione sociale, le condizioni lavorative e i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici che vivono della pesca, come i pescatori e i pescivendoli; inoltre, mira a proteggere l’ecosistema marino attraverso la promozione di un modello di sviluppo sostenibile, coinvolgendo la comunità locale.

I volontari che partecipano nei progetti organizzati da questa associazione, in particolare, si occupano di supportare la comunità locale nel lavoro di conservazione delle mangrovie e di tutela dell’ambiente naturale; affiancano gli agricoltori e i pescatori nelle attività di sensibilizzazione sul territorio, rivolte in particolare agli studenti delle scuole primarie del villaggio.

I campi di volontariato si trovano nella città di Dakar e presso Dionewar, una piccola isola situata nella regione di Sine-Saloum Delta, riconosciuta riserva naturale dall’UNESCO. A Dakar, i volontari alloggiano nel centro dell’associazione, mentre in Dionewar sono ospitati da famiglie locali.

Volontariato ambientale in Ghana

volontariato ambientale in africa occidentaleIn Ghana è possibile partecipare a diversi progetti sul tema ambientale come volontario. In particolare, molto utili sono le esperienze di stage in medicina veterinaria, per chi studia o è alle prime armi con questa professione. I volontari si impegnano in vaccinazioni, operazioni, lavori di laboratorio, autopsie e trattamenti di routine agli animali domestici e di allevamento. Inoltre si occupano di diversi animali, e hanno l’occasione di confrontarsi con malattie e patologie quasi sradicate nei paesi europei.

Una di queste esperienze si può fare ad esempio presso la clinica veterinaria di Accra.

Il lavoro generalmente prevede al mattino operazioni in clinica. Si ricevono animali domestici, come cani e gatti, ma anche animali da allevamento, come capre, polli etc. Nel pomeriggio, invece, solitamente si realizzano visite fuori dallo studio medico, presso campagne e fattorie.

Il tirocinio formativo in Ghana rappresenta un’esperienza unica per accrescere il proprio curriculum vitae e diventare un bravo veterinario.  Inoltre, con questa esperienza all’estero si ha modo di vivere in un paese dove si parla prevalentemente la lingua inglese, e questo permette anche di migliorare notevolmente le proprie conoscenze linguistiche.

Volontariato ambientale in Camerun

In Camerun ci sono diversi parchi nazionali e riserve naturali, in cui andare a fare un’esperienza di volontariato.

Tra i Parchi Nazionali, ad esempio, ci sono: il Bénoué, il Boubandjidah, il Campo – Ma’an, il Faro. Mentre tra le riserve faunistiche, si devono ricordare per la loro bellezza e importanza, le riserve di Bafia, Bakossi Mountains, Boumba – Bek, Dja e soprattutto la Dja Faunal Reserve, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

È possibile partecipare in Camerun in diversi progetti di volontariato ambientale che prevedono esperienze di ricerca e gestione della fauna selvatica, vivendo la vita di un ambientalista, e contribuendo a proteggere la natura leggendaria dell’Africa.

I volontari in queste esperienze trascorrono le loro giornate esplorando le terre selvagge dell’Africa, imparando a conoscere il miglioramento dell’habitat, il monitoraggio dei movimenti degli animali, la prevenzione del bracconaggio e altro ancora.

Il lavoro in pratica consiste nel collaborare a fianco di esperti conservazionisti e osservatori di specie, tracciando e monitorando la fauna selvatica africana nel suo habitat naturale.

Volontariato ambientale in Nigeria

Un’esperienza di volontariato ambientale in Nigeria si può fare ad esempio a Badagry, nella regione del Lagos, per supportare il progetto Permaculture Forest Garden.

Attivo grazie all’iniziativa di alcuni attivisti locali e internazionali, Permaculture Forest Garden ha come obiettivo la riforestazione dell’aera circostante attraverso l’applicazione dei principi della permacultura, contribuendo allo sviluppo ecologicamente sostenibile dell’area e partecipando all’educazione ambientale della popolazione locale.

I volontari del campo, in particolare, collaborano a lavori di giardinaggio e di ricostruzione di una delle aree del centro, tramite l’utilizzo di materiali e metodi di costruzione rispettosi dell’ambiente; prendono parte ad attività e workshop con i giovani locali, per accrescere la consapevolezza della questione ambientale, come ad esempio: simulazioni della condizione climatica globale, per accrescere la consapevolezza sulle emissioni di carbonio, legate alle dinamiche di potere mondiale, e sulle strategie da adottare per evitare la catastrofe climatica.

C’è poi una parte studio del progetto a cui prendono parte i volontari, che è centrata sul cambiamento climatico e sulla sostenibilità ambientale.

Un’altra esperienza di volontariato particolare da fare in Nigeria, è poi con l’associazione VWAN Nigeria, e riguarda l’agricoltura e l’ambiente.

Il luogo in cui si svolgono questi progetti è l’eco villaggio di Eruwa, Ibarapa LGA, Oyo State, in Nigeria, e l’obiettivo è quello di creare l’opportunità per i giovani di acquisire le competenze base sull’agricoltura di piccola scala, per potergli permettere di coltivare il proprio cibo in Nigeria (ed eventualmente, di venderne un po’ sul mercato).

C’è una grande distesa di terreni agricoli nell’eco-villaggio, disposta su diversi strati e livelli, per poter coltivare più varietà di semi.

I volontari vengono coinvolti nelle varie attività che interessano il ciclo agricolo dell’eco-villaggio, insieme ai volontari e i giovani delle comunità locali, che vengono invitati a partecipare a queste attività.

Le attività prevedono tutte le fasi del ciclo agricolo: decespugliamento, semina, innaffiamento, aratura e mietitura; nonché la partecipazione alle attività socio-culturali della comunità

Vuoi partire per l’Africa e aiutare l’ambiente? Associati a Keep the Planet e scarica il database esclusivo.

Leave a Reply

La nostra casa sta bruciando

Scopri come aiutarci