Viaggio Sudafrica: i migliori itinerari per gli amanti della natura

Una guida dettagliata per gli amanti della natura che vogliono organizzare un viaggio in Sudafrica.

viaggio sudafrica

Anche se Keep the Planet non è un blog, ma un’associazione ambientalista, come fondatore ho deciso di avviare questo servizio perché sono fermamente convinto che il solo modo per conservare l’ambiente naturale, e con esso la flora e la fauna presente, è attraverso l’ecoturismo.

E quale miglior modo per incentivare il turismo ambientale se non attraverso reportage fotografici, video e guide scritte come questa che stai leggendo?

L’importanza del turismo è fondamentale perché non è possibile fare conservazione senza soldi.

E come tutti sanno, i turisti portano soldi.

Non sono giunto a questa conclusione così per caso, questa è l’amara verità che mi hanno riportato ranger e proprietari di riserve naturali nel mio recente viaggio in Sudafrica.

Perché mi hanno detto questo?

Il motivo è semplice, da una parte ci sono le deboli istituzioni governative con risorse economiche limitate, dall’altra un vero e proprio esercito di bracconieri finanziati dalle mafie asiatiche avide di tesori naturali come il corno dei rinoceronti e le zanne degli elefanti.

I criminali hanno degli arsenali militari, elicotteri, visori notturni, armi automatiche, una rete compiacente di funzionari, canali di trasporto, sono una vera e propria organizzazione criminale comparabile ai narcos sudamericani.

Ed il motivo è facile da capire, le zanne di elefante e i corni di rinoceronti valgono decine di migliaia di dollari sul mercato cinese e vietnamita, queste organizzazioni sono disposte a tutto pur di mettere le mani su questi animali.

Il governo sudafricano è da sempre in prima linea nella lotta contro il bracconaggio, ma hanno bisogno del turismo internazionale per rispondere con la forza a questi attacchi.

Chi segue il tema del bracconaggio in Africa, sa che ogni giorno escono notizie di stragi che stanno portando le popolazioni selvatiche di elefanti e rinoceronti sull’orlo dell’estinzione.

Il miglior modo per aiutare la conservazione è partecipare ai safari, visitare i parchi nazionali, finanziare i progetti di conservazione, supportare le Ong e condividere le notizie.

Il Sudafrica protegge ampie zone del suo territorio, ma la vastità dei territori e le risorse economiche non sono sempre sufficienti per pattugliare attivamente la fauna selvatica.

Attraverso la nostra prossima vacanza in Sudafrica finanzieremo attivamente la conservazione e in cambio vivremo una delle migliori esperienze della nostra vita.

Te lo garantisco.

Informazioni pratiche per viaggiare in Sudafrica

Come suggerisce il nome, il Sudafrica è la nazione che occupa l’estremo sud del continente africano.

Tra i paesi africani più ricchi, il Sudafrica è famoso alle opinioni pubbliche di tutto il mondo non solo per la sua meravigliosa fauna selvatica, ma per la sua incredibile storia passata fatta di lotte per i diritti umani delle popolazioni nere contro gli occupanti di origini europee.

Chi non conosce infatti la storia di Nelson Mandela, il giovane avvocato attivista dei diritti umani che per ben 27 lunghi anni ha vissuto in prigione, ma senza perdere la speranza di sconfiggere il regime dell’Apartheid.

Cosa di fatto avvenuta nel 1990.

Oggi il Sudafrica ha superato il suo passato più buio, ma è ancora un paese dai forti contrasti dove una minoranza bianca possiede la maggior parte della ricchezza, mentre la maggioranza nera lotta quotidianamente per una vita dignitosa.

Il Sudafrica moderno è una democrazia per circa 54 milioni di abitanti di diverse etnie alla ricerca di una convivenza pacifica e duratura.

E’ la sola nazione al mondo ad avere tre capitali, Pretoria, Cape Town e Bloemfontein, tuttavia internazionalmente Pretoria è considerata la capitale centrale.

A nord confina con Botswana, Namibia, Mozambico e Zimbabwe e Swaziland, mentre all’interno dei suoi confini racchiude il piccolo stato sovrano di Lesotho.

A sud è circondato ad ovest dall’Oceano Atlantico e a est da quello Indiano.

Proprio lungo le sue coste si unisco i due oceani, creando delle condizioni biologiche uniche al mondo.

I paleontologi considerano il Sudafrica come la culla dell’umanità in quanto proprio qui vennero ritrovati i resti dei primi ominidi come l’Homo Abilis, l’Homo Erectus e addirittura i primi appartenenti all’Homo Sapiens Sapiens.

Il Sudafrica è certamente una destinazione per tutti i tipi di viaggiatori, tuttavia in questa guida ci soffermeremo sulle attrazioni prettamente naturalistiche lasciando ad altri più competenti gli aspetti culturali e storici del paese.

Quanto costa un viaggio in Sudafrica?

Nonostante il Sudafrica sia uno dei paesi più ricchi del continente africano, è anche uno dei più economici da visitare.

Questo è dovuto al fatto che la rete di infrastrutture sono sul livello dei paesi europei, permettendo quindi una facile accessibilità alle attrazioni naturalistiche.

Questo non si può dire per altri paesi africani dove la mancanza di strade obbliga il viaggiatore ad affidarsi ad agenzie turistiche che ovviamente rialzano i costi della visita.

Detto questo, il costo del viaggio dipenderà ovviamente da molti fattori, in primis il tipo di viaggio che vuoi organizzare.

Chi mette il risparmio prima di ogni altra cosa, consiglio di organizzare il viaggio autonomamente affittando un auto all’aeroporto di arrivo e di visitare le attrazioni prescelte da soli.

I parchi nazionali sono visitabili anche senza guida con l’obbligo di non lasciare mai il percorso segnalato. Questa scelta ovviamente limita di molto l’esperienza in quanto non si potrà beneficiare dei vantaggi di usufruire dell’esperienza di una guida.

Per questo tipo di viaggio, della durata di circa 14 giorni e 4 persone, considera una spesa media di circa 2000 euro a testa così divisi:

  • 500 euro volo A/R dall’Italia;
  • 300 pasti;
  • 200 auto;
  • 300 pernottamento stile ostello;
  • 200 biglietti eventuali di ingresso alle attrazioni;
  • Totale: 1500 euro circa.

Tutto questo in bassa stagione, se viaggi ad Agosto trovare un volo a 500 euro diventa assai difficile.

Mangiare, dormire e affittare un auto è piuttosto economico in Sudafrica, un paese che permette il viaggio indipendente.

Ovviamente per chi ha un budget ridotto eviterà ristoranti e alberghi stellati, ma penso che questo sia superfluo da aggiungere.

Da questa cifra si sale a seconda dei servizi e degli standard richiesti fino ad arrivare anche ai 10.000 euro per due settimane.

Quali vaccinazioni servono per viaggiare in Sudafrica?

Io sono un biologo appassionato di conservazione, non sono un dottore e mai lo diventerò. Ecco perché ti consiglio vivamente di fare una visita al dottore di famiglia o all’Asl della tua città e prendere tutte le informazioni del caso.

Quello che possono dirti è che ho visitato il Sudafrica per un mese senza essermi vaccinato, ma questa è una scelta personale dettata anche dal fatto che per la maggior parte del tempo sono stato al sud, vicino la costa, dove la malaria non arriva.

Se prevedi di passare del tempo al nord, specialmente all’interno del Kruger National Park, il discorso cambia in quanto questa è una zona dove si potrebbe avere dei problemi.

Il Sudafrica è un paese relativamente sicuro sotto il punto di vista sanitario, tuttavia non ho e non voglio avere la presunzione di dare consigli medici senza averne l’autorità.

Dal noto sito Viaggiare Sicuri della Farnesina puoi ottenere tutte le informazioni di cui hai bisogno per quanto riguarda la situazione vaccini e prevenzione.

Stipula un’assicurazione sanitaria per coprire le eventuali spese mediche.

Qual è il periodo migliore per andare in Sudafrica?

Secondo il mio modesto parere, il Sudafrica è un paese visitabile durante tutto l’anno.

Trovandosi nell’emisfero australe, le stagioni sono completamente invertite dalle nostre, la nostra estate è il loro inverno e viceversa. Nonostante ciò, le temperature non toccano mai livelli estremi né dall’uno né dall’altro verso creando un clima piuttosto mite durante tutto l’anno.

Il Sudafrica inoltre è un paese molto grande con una grande varietà di climi al suo interno.

La zona costiera del sud ha un clima temperato durante tutto l’anno, tuttavia il periodo migliore è la loro estate, cioè il nostro inverno, dove le temperature sono più alte raggiungendo i 30° di media.

Il nord del paese invece è caratterizzato da un periodo secco che va da Maggio ad Ottobre mentre i restanti mesi sono decisamente più piovosi.

Per avvistare la fauna si consiglia la stagione secca durante la quale è più facile avvistare la fauna selvatica in cerca di acqua e ristoro.

Il periodo migliore per visitare il Sudafrica quindi dipenderà essenzialmente dal tipo di viaggio che si vuole fare: da Novembre a Aprile a chi cerca sole e mare al sud, da Maggio ad Ottobre per chi vuole fare i safari nei grandi parchi del nord.

Quali mezzi di trasporto utilizzare?

Come ho già accennato in precedenza, la rete di strade ed autostrade sono del tutto simili alle europee garantendo accessibilità a tutte le aree visitabili del paese.

Oltre al viaggio in auto indipendente, è possibile affidarsi agli affidabili mezzi di trasporto che coprono le lunghe distanze tra una zona e l’altra.

Esistono diverse compagnie di autobus che viaggiano quotidianamente a prezzi accessibili, così come i treni con diverse compagnie a seconda del budget.

Molto economico è inoltre viaggiare in aereo con le numerose compagnie aree low cost che collegano le città principali del paese.

La scelta tra un opzione o l’altra dipenderà essenzialmente dall’itinerario scelto, dalla durata del viaggio e dal budget a disposizione.

Molto economico è inoltre viaggiare in aereo con le numerose compagnie aree low cost che collegano le città principali del paese.

La scelta tra un opzione o l’altra dipenderà essenzialmente dall’itinerario scelto, dalla durata del viaggio e dal budget a disposizione.

Ovviamente per visitare i parchi nazionali sarà utile avere a disposizione un mezzo proprio oppure affidarsi ad un tour organizzato.

Visto per il Sudafrica: come funziona?

Per visitare il Sudafrica da turisti non è necessario nessun visto per permanenze inferiori ai 90 giorni.

Presentati pure con il tuo passaporto italiano con scadenza non inferiore ai sei mesi al check in di imbarco e arriverai a destinazione senza nessun intoppo burocratico.

Il visto ti verrà invece rilasciato all’arrivo in aeroporto in maniera gratuita con scadenza pari alla data di ritorno del tuo biglietto aereo.

Per ulteriori informazioni sui visti per il Sudafrica, ti rimando a questo utilissimo articolo.

Come ritirare denaro?

La moneta locale è il Rand Sudafricano.

Al cambio attuale, per un euro riceverete circa 14 rand. Non c’è bisogno di cambiare valuta in anticipo, la riceverai direttamente dai bancomat, portati alcune centinai di euro in contanti per eventuali emergenze.

Come accennato in precedenza, viaggiare in Sudafrica è accessibile a tutti i budget, dagli ostelli ai resort, dai ristoranti di lusso a quelli economici, il costo del viaggio dipenderà dalle tue scelte.

Gli sportelli bancari sono ovunque, mi raccomando di avvisare la tua banca e abilitare le tue carte per i prelievi in Sudafrica.

Sicurezza generale, è un viaggio adatto a viaggiatori solitari e/o famiglie con bambini?

Con le dovute precauzioni, viaggiare in Sudafrica è sicuro per tutti.

Il grosso divario tra ricchi e poveri è presente in molte zone, specialmente nelle grandi città.

Tutta la zona costiera del sud è sicura e molto battuta dal turismo, le zone da evitare, specialmente da soli e di notte, sono le periferie delle grandi città.

Cape town è considerata una città più sicura rispetto a Johannesburg, nonostante ciò io ho visitato la città di giorno senza particolari problemi.

Prepara con attenzione l’itinerario di viaggio per non incorrere in spiacevoli situazioni.

Perché organizzare un viaggio in Sudafrica?

Il motivo è semplice, il Sudafrica è un paese meraviglioso dal punto di vista storico e naturalistico.

L’Africa è un continente speciale, ha una flora e fauna unica, tribù tradizionali, panorami mozzafiato, avventure indimenticabili e un’umanità scomparsa in occidente.

E in tutto questo, il Sudafrica rappresenta il giusto mix per chi vuole iniziare la scoperta del continente.

Servizi con standard occidentali si mescolano perfettamente con gli usi e i costumi tutti africani, il Sudafrica è la nazione perfetta per chi cerca avventura, ma non vuole comunque rinunciare alle comodità.

Nonostante sia uno dei paesi più avanzati e ricchi dell’Africa, rimane tra le nazioni più economiche da visitare.

Altri paesi con infrastrutture meno moderne infatti hanno costi nettamente maggiori.

Per chi ama la natura come il sottoscritto, è importante viaggiare nei luoghi naturali per contribuire alla salvaguardia delle aree naturali.

E non dimenticarti dei big five, cioè i cinque grandi animali tipici del continente africano che qui puoi avvistare con assoluta certezza.

Mi riferisco ai leoni, agli elefanti, rinoceronti, bufali e leopardi. Sono gli animali simbolo del Sudafrica, non a caso ognuno di essi sono raffigurati nei diversi tagli delle banconote.

Cosa vedere in Sudafrica

Per gli amanti della storia, è possibile ripercorrere la storia di Nelson Mandela, il famoso ex presidente e attivista che ha passato ben 27 anni della sua comunque lunga vita per l’abolizione dell’apartheid.

Il tipico itinerario per questo tipo di viaggio non può non iniziare da Soweto, la township celebre nella storia della lotta di liberazione e base strategica del partito di Mandela.

Qui puoi visitare la sua casa dell’epoca trasformata in museo e dichiarata monumento nazionale.

L’altro luogo simbolo, sempre a Johannesburg, è il museo dell’Apartheid. Inaugurato da Mandela nel 2001, qui puoi ripercorrere la controversa storia del paese.

Il viaggio sulle tracce di Madiba termina a Robben Island, l’isola prigione dove il leader è stato incarcerato a lungo e dove ha iniziato la scrittura della sua famosa autobiografia “Lungo cammino verso la libertà“.

Per una panoramica completa delle attrazioni turistiche del Sudafrica, ti consiglio vivamente di acquistare la guida Lonely Planet, immancabile compagna di viaggio.

Parchi naturali per safari in Sudafrica

Come accennato più volte in precedenza, la prima ragione per visitare il Sudafrica è la sua natura.

Elefanti, leoni, buffali, leopardi, rinoceronti, qui avrai l’opportunità di avvicinarti alla grande fauna africana. Il Sudafrica è infatti in prima linea nella lotta contro il bracconaggio e la conservazione della natura.

La formula vincente è stata quella di creare una serie di parchi nazionali più una vasta rete di riserve private dove è possibile effettuare safari fotografici.

Sono ben 19 le aree protette direttamente dal governo che vanno ad aggiungersi alle centinaia di aree possedute da privati che vanno a contribuire alla rete di progetti rivolti alla conservazione della fauna africana.

La South African National Parks offre una panoramica completa delle aree naturali con informazioni dettagliate per l’organizzazione del viaggio.

La prima e irrinunciabile tappa è certamente il Kruger National Park, il parco più grande della nazione.

Situato a Nord-est, sul confine con il Mozambico, il Kruger si estende per circa 20.000 Km² ed è la più antica riserva del Sudafrica.

Istituito nel 1926 ad opera degli inglesi, è stato chiamato in onore a Paul Kruger, politico boero che si oppose all’occupazione britannica, come segnale di riconciliazione.

Il parco è facilmente visitabile sia aderendo a tour organizzati sia in maniera autonoma. Rappresentato da 6 diversi ecosistemi, al suo interno trovano riparo ben 1900 specie di piante e 500 specie di animali.

Nonostante il parco sia molto grande, è molto facile imbattersi nella numerosa fauna selvatica. Anche se è possibile visitare il parco con mezzi proprio, è vietato scendere dai veicoli e muoversi dopo il tramonto.

Un’altra area molto battuta dai turisti di tutto il mondo è la Garden Route National Park, parco nazionale che si aggiunge alla famosa Garden Route, o strada dei giardini, una famosa strada che percorre la costa sud del paese attraverso paesaggi mozzafiato.

Qualsiasi parco tu voglia visitare, ti consiglio di spendere alcuni minuti alla visione di questo video dove vengono spiegate le norme generali dei parchi sudafricani.

Immersioni in Sudafrica

Le coste sudafricane sono il regno del re dei mari, mi riferisco al grande squalo bianco.

Generalmente lo squalo bianco è un animale solitario molto difficile da avvistare, tuttavia qui in Sudafrica esistono delle zone dove le concentrazioni sono molto elevate per motivi ecologici. Qui infatti c’è un’altissima presenza di foche, il cibo prediletto dello squalo bianco.

Tra le zone dove è più facile vedere gli squali, ricordiamo Seal Island, l’isola delle foche, una piccola isola al largo di Cape Town dove la grande presenza di otarie orsina attirano un grandissimo numero di squali bianchi.

Con un pizzico di fortuna, è possibile assistere al famoso salto predatorio fuori dall’acqua, immagine simbolo dello squalo bianco.

Nel mio viaggio in Sudafrica ho avuto la fortuna di assistere dal vivo a questo meraviglioso spettacolo della natura.

Per i più temerari, è possibile immergersi all’interno di una gabbia metallica circondati dagli squali.

Alcune aziende che operano nel settore sono molto attente alla conservazione dello squalo, altre invece svolgono l’attività in maniera meno responsabile attirando gli squali con esche, prima di prenotare controlla le recensioni.

Il dibattito scientifico sull’etica dell’attività è aperto, alcuni esperti criticano le immersioni in gabbia proprio per l’uso di esche per attirare gli squali andando a modificare le abitudini degli animali.

Qui un interessante articolo.

Viaggio Sudafrica: considerazioni finali

Dopo questo lungo articolo spero che la voglia di organizzare un viaggio in Sudafrica sia aumentato.

Se ami la natura devi vivere la natura, non basta un like e una condivisione su Facebook per proteggere il pianeta.

Il mondo della conservazione ha bisogno di te e della tua presenza per andare avanti, senza ecoturismo vaste zone naturali spariranno sotto il ritmo incessante del capitalismo e della globalizzazione.

La fauna africana è meravigliosa e il Sudafrica ha trovato la sua formula per proteggerla, ti garantisco che ogni singolo euro speso per il viaggio sarà un euro speso bene.

Aiutami a diffondere il messaggio, condividi l’articolo sui sociale e con i tuoi amici, Keep the Planet ha bisogno di te.

Alessandro.

Leave a Reply