Viaggio naturalistico in Thailandia, un’esperienza unica da fare almeno una volta nella vita

La Thailandia, ufficialmente Regno di Thailandia, è uno Stato in forte crescita del Sud-Est asiatico. Confina con Laos, Cambogia, Birmania, Malaysia ed è delimitata dal golfo di Thailandia e dal mare delle Andamane.

La sua capitale, Bangkok, è un enorme conglomerato urbano con oltre 8 milioni di abitanti.

La particolarità di questo paese sta nel trovare, accanto alla grande metropoli della capitale, grandi riserve naturali, bellissimi parchi nazionali e parchi nazionali marini.

Grazie a certe bellezze naturali, il turismo costituisce un fondamentale fattore di sviluppo per il paese.

Quanto costa viaggiare in Thailandia

viaggio naturalistico in thailandiaPer quanto non sia possibile parlare di viaggio economico, i voli per la Thailandia e il soggiorno sono accessibili a molte tasche, soprattutto se prenotati con anticipo. Bangkok, essendo un importante snodo aeroportuale, è ben servita da tutte le principali compagnie internazionali.

Anche se viaggiare in questo fantastico paese non è così costoso, è comunque possibile risparmiare prendendo parte ai progetti di volontariato ambientale in Thailandia. Questi progetti hanno un doppio risvolto positivo: oltre a farvi risparmiare, aiutano anche la natura che andate a visitare.

Spostamenti interni in Thailandia

Per gli spostamenti interni il paese è facilmente attraversabile grazie alla rete ferroviaria e agli autobus. I mezzi di trasporto sono spesso affollati, ma nonostante ciò è possibile raggiungere ogni angolo del paese grazie ai treni, lenti ma puntuali ed economici, e grazie ai bus, solitamente i mezzi prediletti dei turisti.

Visto e denaro in Thailandia

La Thailandia offre ai cittadini italiani un visto turistico di 30 giorni all’arrivo in aeroporto. E’ possibile però richiedere un visto turistico di 60 giorni all’Ambasciata o al Consolato; questo visto, che permette un solo ingresso nel paese, è rinnovabile di ben 30 giorni.

La valuta locale è il baht thailandese, che può essere scambiato solo all’interno del paese. Il cambio valuta può esser fatto già nell’aeroporto d’arrivo.

Qual è il miglior periodo per visitare la Thailandia

È importante scegliere il periodo migliore per visitare un paese, e la Thailandia non è da meno. Però, vista la variabilità del clima in base alle diverse regioni, non esiste un periodo migliore; è possibile visitarla tutto l’anno perché ogni stagione ha delle zone che possono ospitare una bellissima vacanza.

Situazione sanitaria e sicurezza in Thailandia

La Thailandia non è certo il più stabile tra i paesi asiatici, ma la grande massa di turisti provenienti da tutto il mondo rende le zone turistiche assolutamente sicure. Inoltre non è necessario alcun vaccino obbligatorio, ma sempre meglio consultare un medico.

Prima di mettersi in viaggio è essenziale munirsi di una assicurazione sul viaggio. Queste speciali polizze tutelano i viaggiatori da incidenti e malattie prese nel paese, e anche se si gode di buona salute è buona norma proteggersi da ipotetici problemi di salute.

Ambiente in Thailandia

La Thailandia gode di una eccezionale biodiversità, dovuta alla favorevole posizione tra il Tropico del Cancro e alla suddivisione in quattro regioni distinte.

La Thailandia del Sud è caratterizzata da foreste e clima tropicali e umide, mentre la Thailandia del Nord è principalmente montuosa e presenta foreste temperate. La Thailandia del Nord-Est è formata da un altopiano totalmente pianeggiante, ad eccezione di una bassa catena montuosa che la divide in due. La Thailandia centrale, invece, è costituita dalla valle del grande fiume Chao Phraya.

Tutela ambientale in Thailandia

La grande biodiversità del Paese ha portato alla creazione di moltissimi parchi nazionali e riserve, essenziali per la tutela del territorio. Molti di questi, per la loro importanza, sono stati scelti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

Uno dei più importanti è il Parco Nazionale di Khao Yai, che delimita a sud la Thailandia del Nord-Est, ed è stato inaugurato nel 1962. La particolarità di questo parco sta nell’alternanza di giungla e prateria, con una vastissima popolazione di uccelli, ma anche di mammiferi, rettili e anfibi.

Un sito storico-naturalistico da visitare è il Parco Nazionale Khao Phra Wihan, che si trova a cavallo della linea di confine tra Thailandia e Cambogia e contiene, oltre a una grande varietà di flora e fauna, anche le suggestive rovine dell’Impero Khmer.

Due particolari riserve si sono aggiudicate, insieme, il titolo di Patrimonio dell’Umanità. Sono il santuario della vita selvatica di Thungyai e il santuario della vita selvatica di Huai Kha Khaeng. Queste zone protette, particolarmente impervie e isolate, sono pressoché disabitate. Ciò ha permesso all’habitat di rimanere incontaminato, e quindi alla flora e alla fauna di prosperare.

Principali attrazioni naturalistiche in Thailandia

Oltre ai Parchi Nazionali e alle Riserve Marine già citate, il paese è stracolmo di attrazioni naturalistiche.

Phi Phi Islands

Questo arcipelago comprende isole caratterizzate da spiagge tropicali con acque cristalline e enormi strutture rocciose che le puntellano. La grande bellezza di questi luoghi ha costretto le autorità a chiudere alcune spiagge, come quella di Maya Bay, per tutelare il territorio.

Parco Marino Mu Ko Ang Thong

Questo parco marino è uno dei più suggestivi e particolari perché comprende terre emerse, cioè isole, e riserve marine. È formato da 42 isole spettacolari sparse su circa 100 km quadrati, caratterizzate da alte pareti rocciose a strapiombo nel mare.

Grotte di Tham Lot

Il più grande complesso di grotte della Thailandia si trova vicino al confine con la Birmania, ed è dotato di una spettacolare vista di stalattiti e stalagmiti.  È possibile visitare queste grotte sia a piedi sia in barca, rendendo la visita ancor più particolare.

Cascate Thi Lo Su

Nonostante siano le cascate più alte e grandi della Thailandia, sono poco visitate dai turisti. Alte ben 250 metri e alimentate dal fiume Mae Klong, la zona impervia che le ospita le rende poco accessibili ma sono perfette per i veri appassionati di attrazioni naturali.

Cascate Erawan

Tra i luoghi più suggestivi della Thailandia non si possono menzionare anche queste cascate, che appartengono al Parco Nazionale di Erawan. Queste cascate, composte da 7 livelli, sono affascinanti e attirano ogni anno migliaia di turisti, anche perché non molto distanti dalla città di Kanchanaburi.

Viaggio volontario in Thailandia

Uno dei modi migliori per viaggiare in Thailandia, è quello di compiere viaggi di volontariato ambientale. Questi viaggi permettono di fare esperienze uniche: potrai aiutare nella salvaguardia degli elefanti, degli orsi e delle loro riserve naturali, ma potrai anche dedicarti ai cani randagi, alla tutela delle riserve marine e delle bellissime isole tropicali.

C’è grande bisogno di volontariato in Thailandia, cosa aspetti a partire?

Leave a Reply