Viaggio naturalistico in Mozambico: la perla africana che pochi conoscono

Una guida scritta da Alessandro Nicoletti, fondatore di Keep the Planet, per tutti gli amanti della natura africana. Se hai il sogno di fare un viaggio naturalistico in Mozambico, questa guida ti aiuterà a partire al meglio.

viaggio naturalistico in mozambicoSempre alla ricerca di nuove mete e orizzonti per gli amanti della natura, il Mozambico rappresenta il cuore dell’Africa più autentica e selvaggia.

Qui troverai un paese che si affaccia con oltre 2500 km di coste incontaminate sull’Oceano Indiano, proprio di fronte al Madagascar, con paesaggi e ambienti mozzafiato.

Il Mozambico è una meta imperdibile per chi ama il mare, le gite in barca a vela, le immersioni, uniche infatti sono le spiagge, i piccoli borghi di pescatori e gli arcipelaghi lontani dal turismo di massa.

Bellissimi sono inoltre i safari e le escursioni nei parchi naturali alla ricerca della grande fauna africana.

La fauna selvatica include i grandi mammiferi come leoni, ghepardi, elefanti, leopardi e rinoceronti e animali più piccoli come antilopi, zebre, iene e bufali.

La fauna marina comprende invece megattere, squali balena, mante, delfini, dugonghi, tartarughe marine e molti pesci.

Qui meglio che altrove, anche grazie alla bassa densità demografica, si è riuscito a proteggere l’ambiente naturale che oggi grazie all’ecoturismo rappresenta una delle entrate principali dell’economia del paese.

Chi vuole andare a visitare il Mozambico può farlo seguendo un itinerario tradizionale, oppure ci sono molte opportunità che permettono ai turisti di fare un’esperienza di viaggio alternativo.

È possibile, ad esempio, fare ecoturismo, viaggi solidali naturalistici o esperienze di volontariato.

Sono infatti numerosi i progetti ed i viaggi organizzati da organizzazioni internazionali, associazioni solidali e altri enti, e grazie ai quali è possibile prendere parte a progetti di sviluppo e cooperazione aventi ad oggetto la tutela dell’ambiente.

Viaggio naturalistico in Mozambico: informazioni generali

Il Mozambico è uno Stato situato nella parte orientale dell’Africa, con capitale Maputo. Il Paese confina a nord con la Tanzania, il Malawi e lo Zambia; ad ovest con lo Zimbabwe e lo Swaziland; a sud con il Sudafrica; e ad est con il Canale di Mozambico, che lo divide dal Madagascar.

Il Mozambico è diviso in due grandi aree morfologiche: la prima si trova a nord, ed è dominata dagli altopiani che vengono attraversati dalla Rift Valley; nella parte centrale ed a sud del Paese invece, c’è una grande pianura intervallata da diversi fiumi (uno di questi è lo Zambesi).

Qui si trova anche la zona costiera, che è anch’essa pianeggiante e verso l’interno dà spazio ad aree paludose.

Il Mozambico, soprattutto a causa della guerra civile, era un Paese difficile da visitare.

Anche per questo motivo oggi rappresenta una novità per il turismo, ed andare a visitare il Mozambico può rappresentare un modo alternativo di viaggiare rispetto al turismo classico.

D’altra parte, la natura incontaminata di questo Paese è di una bellezza mozzafiato, e l’ospitalità dei suoi abitanti permette di immergersi totalmente nella cultura, nelle usanze e nelle tradizioni di questa terra. 

Ex colonia portoghese, indipendente dal 1975, il Mozambico ha una superficie di circa 800.000 kmq e una popolazione di 18 milioni di abitanti, in forte crescita.

La lingua ufficiale del paese è il portoghese, molto diffuse sono comunque le lingue bantu e lo swahili. L’uso dell’inglese è diffuso nelle principali località turistiche.

Il periodo migliore per andare in Mozambico

Chi vuole intraprendere un viaggio in questo Paese però deve scegliere preventivamente cosa vuole fare, e di conseguenza in quale periodo andare, tenendo conto delle condizioni climatiche.

Infatti il Mozambico, in particolare nei mesi che vanno da dicembre a marzo, può essere colpito da cicloni tropicali.

Il clima del Mozambico è prevalentemente tropicale, quindi caratterizzato da una stagione che va da novembre a marzo, in cui il clima è caldo e umido; e da una stagione che va da aprile a ottobre, più secca e fresca.

La stagione delle piogge si abbatte sul Paese nei mesi di gennaio e febbraio (più al nord che al sud), e le temperature in questo periodo sono molto elevate. Per quanto riguarda la stagione secca invece, raggiunge il suo culmine nei mesi di giugno e luglio, con temperature che diventano più fresche.

Quindi, il periodo migliore per fare un viaggio in Mozambico è quello che va dal mese di maggio ad ottobre. Anche se è possibile recarsi a fare una vacanza sulle sue coste tutte l’anno.

Infatti l’acqua del mare del Canale del Mozambico, grazie alle correnti calde del nord che scendono verso sud, è calda in ogni stagione; senza contare che, complice anche il fatto che il Paese è poco visitato, il Mozambico è ricco di spiagge incantevoli.

Visto e denaro per viaggiare in Mozambico

Il passaporto è necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese.

E’ indispensabile che il proprio passaporto abbia almeno due pagine in bianco più il visto d’ingresso da richiedere, prima della partenza, all’Ambasciata della Repubblica del Mozambico a Roma.

Il visto turistico per il Mozambico può essere ottenuto anche in aeroporto o in frontiera ed ha una durata di 30 giorni prolungabili in loco. La moneta è il Metical, non è reperibile in Italia e quindi occorre comprarla direttamente in loco. Un euro equivale a 68.5 Metical.

Come arrivare e spostarsi in Mozambico?

Le compagnie Linhas Aéreas de Moçambique (LAM), TAP Air Portugal e Kenya Airways operano voli su Maputo.

Arrivando dall’Europa è più economico volare a Johannesburg, in Sudafrica, e da qui raggiungere il Mozambico con l’aereo o via terra.

I migliori transiti via terra sono attraverso il confine sudafricano: ci sono tre treni alla settimana tra Johannesburg e Maputo, che impiegano circa 15 ore.

Per gli spostamenti interni, l’autobus è certamente il principale mezzo di trasporto per visitare il Mozambico. Ci sono autobus che coprono le distanze tra le principali città almeno una volta al giorno. Esistono tre principali compagnie private e tutte hanno delle linee veloci.

Dove le strade non permettono la percorribilità, esistono dei camion convertiti al trasporto passeggeri a rendere il viaggio più interessante.

Sicurezza e situazione sanitaria in Mozambico

Molti si chiedono se il Mozambico è un paese sicuro e la risposta in questi casi è sempre dipende. Dipende infatti da che viaggiatore sei, se usi il giudizio oppure ti piace metterti in pericolo.

Partendo dal presupposto che nessun paese al mondo è esente da pericoli, le grandi città possono sempre essere lo scenario di eventuali problemi legati alla sicurezza.

Lo stesso vale per la situazione sanitaria, ti consiglio sempre e comunque di consultare il medico per eventuali vaccinazioni.

In ogni caso, mai e poi mai viaggiare senza un’assicurazione di viaggio che possa garantire la copertura di eventuali incidenti.

Noi di Keep the Planet consigliamo World Nomads, compagnia affidabile e competitiva.

MAI VIAGGIARE SENZA ASSICURAZIONE, CLICCA QUI PER UN PREVENTIVO GRATUITO CON WORLD NOMADS

Flora e fauna del Mozambico

cosa vedere in mozambicoIl Mozambico è un Paese con un elevato tasso di biodiversità.

In particolare, la flora che si sviluppa in questo paese è variegata in base alla zona del territorio in cui ci si trova; ad eccezione però del sud del Paese, che è per lo più dominato da lunghi tratti sabbiosi quasi privi di vegetazione.

E così, nell’entroterra la savana si alterna con zone boschive rigogliose e fitte, ma anche a territori dominati dalla steppa. Le coste del Mozambico invece sono abbondantemente ricoperte di vegetazione (specie in corrispondenza degli sbocchi dei maggiori corsi d’acqua nell’Oceano indiano), che si presenta con le caratteristiche tipiche delle zone tropicali.

Nella costa situata a nord del Paese ad esempio, sono largamente diffuse le mangrovie.

Nonostante ciò, la foresta tropicale è poco diffusa solo nella parte settentrionale del Mozambico. Fitte foreste si creano poi lungo i fiumi.

La specie vegetale più diffusa e caratteristica del Mozambico è, in particolare, l’erba elefante, che è una graminacea di grandi dimensioni usata come combustibile dagli indigeni dopo essere stata seccata, e che cresce rigogliosa durante la stagione delle piogge. Ma vi sono in grande numero anche altre specie, come: il baobab, diffuso nelle steppe più aride, il mogano, l’ebano, il bambù, il tamarindo, nonché varie e numerose specie di acacie.

Ma anche la fauna selvatica è discretamente variegata e ricca, motivo per cui purtroppo questo Paese è spesso invaso dai cacciatori. Ad esempio, tra gli animali carnivori sono presenti il leone, il leopardo, lo sciacallo, il licaone e il protele. Ma ci sono poi anche: elefanti, rinoceronti, zebre, bufali, antilopi di varie specie, lo gnu striato, la giraffa meridionale, l’ippopotamo, il facocero e molte altre specie.

Tutela ambientale in Mozambico

La biodiversità del Mozambico, per quanto ancora oggi ammirevole, è messa a dura prova dai problemi ambientali. Tra questi problemi i più rilevanti sono senza dubbio l’inquinamento, lo sfruttamento intensivo delle risorse forestali e il bracconaggio.

Ed infatti, in modo particolare, uno dei problemi ambientali che oggi affliggono maggiormente il Mozambico è dovuto al mancato smaltimento dei rifiuti.

Un altro grave problema è poi il bracconaggio che rischia di causare l’estinzione di specie animali come il rinoceronte ad esempio, che viene cacciato soprattutto per il suo corno che è molto gettonato sul mercato nero.

Aree naturali da visitare

Considerato l’elevato tasso di biodiversità, il governo del Mozambico ha istituito una fitta rete di parchi nazionali, riserve naturali e aree per proteggere le creature che popolano il Paese.

Tra questi spicca in particolare il parco nazionale di Gorongosa, che è un’area naturale molto vasta protetta dal 1920, situata nella parte centrale del Mozambico.

Ma ci sono molte aree protette di grande rilevanza come ad esempio l’isola di Mozambico, che è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.

Altri parchi nazionali importanti, come quello di Banhine, il parco nazionale di Zinave e il parco nazionale del Limpopo.

In particolare quest’ultimo rientra nel parco transfrontaliero del Grande Limpopo, che è un’area transnazionale protetta nata dalla collaborazione tra gli Stati del Mozambico, del Sudafrica e dello Zimbabwe.

Viaggiare alternativo: il volontariato ambientale

Viaggiare in Mozambico non è economico e adatto a tutte le tasche. L’Africa nonostante nell’immaginario comune sia un continente povero, in realtà per il viaggiatore straniero è un continente caro perché la mancanza di infrastrutture adeguate e la logistica difficile comporta un aumento dei prezzi.

Per chi ha tempo, passione e vuole minimizzare il budget necessario, una delle migliori opportunità per visitare il paese è quello di partecipare al volontariato ambientale.

Molti progetti di volontariato in Mozambico infatti ospitano sul territorio volontari internazionali che aiuteranno nelle mansioni quotidiane delle varie associazioni.

Noi di Keep the Planet abbiamo selezionato le associazioni in ambito ambientale che offrono questa opportunità.

Per farlo, ho personalmente creato e prodotto un database completo delle associazioni ospitanti.

In Mozambico abbiamo selezionato vari progetti di conservazione che ricoprono molte tipologie: avrai la possibilità di lavorare nella conservazione marina, nella divulgazione e su progetti umanitari.

Clicca qui per diventare socio dell’Associazione Keep the Planet e scaricare il database delle associazioni

 

Leave a Reply

Iscriviti alla newsletter dell’associazione e scarica la guida gratuita su come trovare lavoro nella conservazione.

Scarica il manuale è gratis!!!