Casi in aumento anche nelle regioni meno colpite: ma per la leishmaniosi c’è possibilità di prevenzione e di cura

Una patologia molto pericolosa per i nostri amici a quattro zampe, sempre più diffusa anche in Italia, dove, almeno fino a qualche anno fa, era presente soprattutto al Centro – Sud.

La leishmaniosi oggi è un pericolo concreto e costante, in fortissima crescita lungo tutto lo Stivale, con molti comuni che programmano – ove possibile – ampie campagne di disinfestazione  contro zanzare e pappataci.

Le disinfestazioni, per quanto efficaci, non sono comunque in grado di eliminare il problema completamente, per cui diventa necessario, per proteggere nel miglior modo possibile il proprio cane, prendere ulteriori precauzioni.

La buona notizia è che oggi sono disponibili prodotti antiparassitari specifici, la cui efficacia è dimostrabile da studi e prove scientifiche, che possono proteggere i cani dalle infestazioni dei pappataci, gli insetti volanti che sono i responsabili della trasmissione della leishmaniosi.

Al via la disinfestazione in moltissimi comuni italiani

prevenzione cura leishmaniosiL’ultimo in ordine temporale è stato il comune di Senigallia, che ha deciso di procedere con una disinfestazione a tappeto contro zanzare e pappataci in vista della stagione più calda.

Una disinfestazione che ha riguardato tutte le frazioni del comune e che segue la falsariga di tanti altri centri italiani, preoccupati per il possibile pericolo sanitario rappresentato dai parassiti per l’uomo e per gli animali.

Queste misure preventive, come abbiamo già detto, possono essere sicuramente d’aiuto, ma raramente possono essere completamente risolutive. I pappataci, pur ridotti in numero da questi interventi, rimangono un pericolo importante per i nostri cani: è assolutamente necessario, quindi, individuare quali prodotti e trattamenti possano offrire davvero una protezione completa.

I pericoli della leishmaniosi

La leishmaniosi è oggi diffusa in modo particolare nell’Europa del Sud, con una concentrazione molto alta, per quanto concerne l’Italia, in Liguria, in tutto il Centro-Sud e nelle Isole.

Ultimamente si sono fatti registrare anche degli importanti focolai al Nord, nello specifico nelle zone collinari di Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia.

Il problema coinvolge ormai tutta la Penisola ed è diventato fonte di preoccupazione per tutti coloro i quali possiedono un cane.

I sintomi della leishmaniosi sono molto difficili da distinguere da quelli di altre condizioni patologiche che riguardano il cane, rendendo così un intervento tempestivo ancora più difficile.

Si può prevenire la leishmaniosi?

Assolutamente sì, facendo ricorso a prodotti specifici, immessi sul mercato da aziende che sono specializzate proprio nella prevenzione degli attacchi dei parassiti.

Bisogna assolutamente evitare di ricorrere a “soluzioni fai da te”: è facile trovare in internet consigli privi di qualsiasi fondamento scientifico che, non solo non proteggono il nostro cane, ma danno una pericolosa e falsa sensazione di sicurezza.

Un prodotto efficace per combattere i pappataci potrebbe essere uno spot on che combina un’azione repellente, che impedisce quindi al parassita di compiere il pasto di sangue sul cane, e insetticida, che elimina l’ospite indesiderato. In questo modo, non solo l’animale è protetto, ma anche il rischio di diffusione della leishmaniosi si riduce in maniera importante. Prevenire, anche per i nostri amici animali, è sempre meglio che curare: scegliere un prodotto adeguato, che può garantire il massimo della protezione, è oggi il miglior percorso possibile per chi ama davvero il proprio cane.

Leave a Reply