Differenze tra le lampadine LED e ad incandescenza

La crescente diffusione delle lampadine LED sta contribuendo alla progressiva sparizione dal mercato delle lampade a incandescenza, che rispetto alle concorrenti più recenti si dimostrano meno convenienti, anche dal punto di vista economico. I LED, infatti, si contraddistinguono per una durata di vita notevole, che può andare oltre i 20 anni.

Come scegliere le lampadine migliori

La valutazione dei watt non serve più in previsione della scelta di una lampadina: tale unità di misura fornisce un’indicazione del livello di illuminazione fornito dalla lampadina stessa. Per i LED, tuttavia, è un altro il parametro a cui si deve fare riferimento. Il wattaggio segnala quanta energia viene erogata dalla lampadina, ma con le lampadine LED non c’è alcuna correlazione tra la luminosità e i watt che vengono erogati. Per esempio, una lampadina a incandescenza da 60 watt offre lo stesso grado di luminosità di una lampadina a LED da non più di 12 watt. C’è bisogno, insomma, di una forma di misurazione differente, che va individuata nei lumen.

I lumen

Quando ci si accinge all’acquisto di una lampadina a LED, uno dei valori su cui è opportuno basare la propria scelta è la misura del lumen, che corrisponde alla luminosità che viene generata. Una lampadina a incandescenza, nel confronto con una lampadina a LED, è in grado di assorbire watt cinque volte di più per un numero di lumen identico. Riassumendo, mentre il watt non misura la luce ma la potenza, il lumen misura la luce, o – per essere più precisi – fornisce un valore alla quantità di flusso luminoso che viene prodotto dalle lampadine.

Il confronto tra lampadine LED e lampade alogene

Per ottenere una luminosità di 450 lumen, c’è bisogno di una lampada standard da 40 watt, di una lampada alogena da 29 watt o di una lampada LED da 8 watt. La prima dura non più di un anno, la seconda può arrivare al massimo a tre anni e la terza supera i quindici anni. Rispetto a una lampadina standard, una alogena assicura un risparmio energetico fino al 30%, che nel caso del LED può toccare l’80%. Lo stesso discorso si può ipotizzare per valori di lumen differenti: per ottenere 800 lumen, per esempio, occorrono una lampada standard da 60 watt, una alogena da 43 watt o una da 13 watt; e così via.

Come scegliere le lampadine LED

Nel momento in cui si pensa a quali luci LED comprare, i watt rappresentano solo uno dei criteri che meritano di essere presi in considerazione per una decisione oculata: essi, come detto, corrispondono al consumo energetico delle lampadine, ma la loro valutazione deve essere affiancata a quella dei lumen, che segnalano la resa di luce, e a quella della temperatura di colore, che viene misurata in gradi kelvin (a tale proposito, se si sta pensando all’illuminazione del proprio appartamento è sempre preferibile evitare le temperature fredde). Infine, occorre tenere conto dell’indice di resa cromatica, che è correlata alla naturalezza della luce generata.

Lumen o watt?

La quantità di luce che viene generata da una lampadina a LED, in sintesi, si misura in lumen. Per esempio, quando si ha la necessità di sostituire una lampadina da 20 watt, c’è bisogno di una lampadina a LED che sia in grado di produrre attorno ai 1600 lumen. Tuttavia non è appropriato identificare una conversione precisa e univoca: insomma, non si può dire che 1000 lumen di un LED equivalgono sempre e comunque a 67 watt, ma al massimo si può sostenere che questa è l’approssimazione che più si avvicina al vero, tenendo presente che la resa luminosa e il tipo di luce che viene emessa sono due variabili decisive nel far diminuire o aumentare il valore in questione. Uno stesso numero di watt può essere correlato a quantità di lumen differenti, ed è questo il motivo per il quale è indispensabile prima di tutto comprendere quale luce si desidera per illuminare i propri spazi per poi verificare quanti lumen servono a tale scopo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su tutte le notizie dell’associazione Keep the Planet