5 Azioni per salvare gli orango tango dall’estinzione

Come salvare gli orango dall’estinzione, un articolo di Alessandro Nicoletti, biologo marino e fondatore dell’associazione ecologista Keep the Planet.

Gli orango, sono in pericolo di estinzione, e io vorrei salvarli…ma come?

Leggi l’articolo o guarda il video:

Ciao a tutti ragazzi, io sono Alessandro Nicoletti, biologo marino e fondatore dell’associazione ecologista Keep the Planet.

In questo articolo volevo parlarvi di uno dei miei animali preferiti, gli orango.

In un precedente video abbiamo parlato dei motivi per cui dovremmo salvare gli orango, oggi voglio invece parlare del come farlo.

Anni fa, quando ci siamo incontrati per la prima volta, è stato amore a prima vista.

come salvare gli orango

Un amore, che si è presto trasformato in preoccupazione.

Fino a pochi decenni fa infatti, gli orango vivevano tranquilli e in abbondanza nelle foreste del Borneo e di Sumatra, entrambe uno scrigno di biodiversità unico al mondo.

Scrigno, che è stato aperto e distrutto

La casa degli orango sono spazzate via dalle incessanti ruspe degli umani che per un pugno di olio, di palma, stanno distruggendo un paradiso terrestre.

L’incessante deforestazione e le poche politiche di conservazione da parte del governo pressato dalla ricca industria dell’olio di palma ha portato tutte e tre le specie di orango in pericolo critico di estinzione.

Ogni anno 5000 orango vengono uccisi per lasciar spazio alle coltivazioni di palme da olio.

Se nulla verrà fatto, entro pochi anni perderemo questi fantastici animali per sempre.

Noi condividiamo il 97% del nostro DNA con gli orango, non pensi anche tu dovremmo condividere gli stessi diritti?

Cosa faresti se domani mattina delle ruspe distruggessero casa tua?

Lo accetteresti?

La buona notizia è che anche noi possiamo contribuire alla loro conservazione, e queste sono le 5 azioni che puoi mettere in pratica da oggi stesso.

Come salvare gli orango: 5 azioni

Prima azione, evita tutti i prodotti contenenti olio di palma.

Si lo so, l’olio di palma è praticamente ovunque ed evitarlo non è sempre possibile. Bisogna avere una certa dose di tempo e pazienza per leggere tutte le etichette ed evitare il prodotto.

Tuttavia, evitare l’olio di palma è una scelta intelligente sia dal punto di vista ambientale e salutare.

Non sono un medico e non mi compete parlare di salute, ma l’olio di palma è un olio ricco di grassi saturi e possiamo tranquillamente vivere senza.

Dal punto di vista ambientale, le coltivazioni non sono assolutamente sostenibili, spesso vengono inserite all’interno di parchi nazionali senza nessun permesso, un tema delicato a cui dedicherò un video specifico.

Scegliere prodotti locali a chilometro zero è diventata ormai una priorità, dalle carni brasiliane all’avocado, sono tantissimi i prodotti esotici che stanno compromettendo le foreste a livello globale.

In Italia produciamo tantissimi prodotti di qualità, aiutiamo l’economia e l’ambiente con i nostri consumi consapevoli.

Seconda azione per salvare gli orango, presta attenzione al marchio FSC che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine è stata controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dall’ente.

Gli orango infatti non sono minacciati solamente dalle coltivazioni di palme da olio, ma anche dall’industria del legname.

Terza azione, mai partecipare a spettacoli con gli animali. Questo tipo di attrazioni turistiche infatti incentivano la cattura illegale di orango in natura danneggiando le popolazioni selvagge.

Nessuno vuole un futuro con gli orango solamente dietro le sbarre.

Quarta azione, più diretta, partecipa a dei viaggi naturalistici nei parchi nazionali dove vivono gli orango tango.

In un mondo utopico, dovremmo poter salvare la fauna selvatica senza soldi, dovremmo proteggere le foreste solo per il semplice motivo di farlo.

Purtroppo, viviamo in un mondo dove tutto è in vendita per il profitto di pochi. In Indonesia, ma non solo, i terreni hanno valore economico perché da quel terreno si possono piantare le palme da olio creando ricchezza e lavoro.

Se si vuole proteggere le foreste si deve creare un’alternativa sostenibile come l’ecoturismo.

In un prossimo video vedremo i passi per organizzare e selezionare un viaggio rispettoso dell’ambiente, il messaggio che dobbiamo portarci a casa oggi è l’importanza di finanziare le attività economiche alternative che possono rappresentare l’alternativa alla distruzione ambientale.

Solo creando posti di lavoro dipendenti alla presenza di animali come l’orango, è possibile salvare la foresta.

Triste da dirlo, ma è la situazione attuale.

Quinta azione per salvare gli orango è l’ultimo, ma anche il più importante e cioè quello di partecipare al volontariato ambientale.

Ci sono varie associazioni locali che offrono l’opportunità di partecipare attraverso delle esperienze dirette sul campo.

I volontari sono impegnati nella riforestazione di aree colpite da incendi, dalla cura e rilascio di orango recuperati, educazione ambientale nelle scuole e molto altro ancora.

Partecipare al volontariato non è caro, in cambio di un piccolo contributo si riceve non solo vitto e alloggio, ma anche un’incredibile e gratificante esperienza di vita.

Qui sotto trovi il link per diventare socio di Keep the Planet, in cambio riceverai un database completo di associazioni impegnate nella conservazione di orango e molte altre specie.

Oltre ad un viaggio etico alternativo, il volontariato ambientale rappresenta anche la porta d’ingresso per lavorare nella conservazione.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DATABASE RISERVATO AI SOCI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *